Passa ai contenuti principali

A tu per tu con Giuseppina Torre. #musicinterview


Siamo lieti di avere con noi un'artista che con tanti cuore, trasmette la sua musica e il suo talento a chi l'ascolta.
Lei è Giuseppina Torre ed è pronta a condividere con tutti noi le sue emozioni e la sua storia.
E Ieri, in occasione del Piano City, si è esibita alla Terrazza Aperol di Milano per un’occasione veramente speciale, essendo protagonista di un grande evento.
Quindi diamole il nostro più caloroso benvenuto e iniziamo!


Ciao Giuseppina! Dunque, sei stata scoperta e contattata per un brano caricato su ITunes...qual è stato il primo pensiero che hai avuto in quel momento?

G: Ho pensato che la mail inviatami dai supervisori dei Los Angeles Musica Awards fosse una spam. Da buon Capricorno con i piedi ben saldi a terra non diedi peso a quella mail. Dovetti ricredermi perché me ne inviarono una seconda nella quale mi sollecitavano a inviarle quante più informazioni possibili e da lì a qualche mese arrivò la nomination per la composizione “Il silenzio delle stelle“.

Ti sei fatta conoscere sia all’estero che in Italia e hai avuto anche la possibilità di esibirti davanti a grandi nomi come Sorrentino, Muccino e Bertolocci! Com’è stato?

G: In America ho vissuto delle esperienze che mai avrei potuto pensare di vivere come ad esempio esibirmi davanti a questi grandi registi. E’ stato molto emozionante, ho avuto la possibilità di poter parlare con loro e fui addirittura invitata dalla moglie di Muccino a prendere un tè nella loro villa a Malibù dove i nostri rispettivi figli fecero amicizia e giocarono insieme tutto il pomeriggio. Fantastico!

Nel 2017 è arrivata una grandissima opportunità: quella di “firmare” le musiche per il documentario “Papà Francesco - La mia Idea di Arte”! Te l’aspettavi? Che emozioni hai provato in quel momento?

G: Già in passato avevo musicato altri documentari per il giornalista e storico Roberto Olla : “L’ amore dopo la tempesta“ , “Come manna dal cielo”, “Papaveri rossi” e “Montecassino perché” ed essere stata scelta per scrivere l’intera colonna sonora di questo prezioso progetto mi ha riempito di gioia ma allo stesso tempo mi sono sentito un carico di responsabilità non indifferente. Dopo aver fatto ascoltare le prime tracce alla produzione, mi dissero che potevo proseguire su quell’onda musicale e da lì è stato un fluire di emozioni...

Sei in nomination in diverse categorie per gli “International Music and Entertainment” del 2018...Senti una certa “responsabilità” nell’essere l’unica artista italiana nominata? Quante possibilità pensi di avere per una vittoria in almeno una delle categorie? 

G: Sento ovviamente il carico di responsabilità e cercherò di portare in alto il nome dell’Italia. L’essere già in nomination tra tanti artisti di tutto il mondo lo considero già una vittoria ma tornare almeno con una statuetta a casa non sarebbe male…

Domanda di rito: cosa consigli a chi come te vuole intraprendere il proprio viaggio nella musica? 

G: Studiare, non arrendersi mai e non sentirsi mai “arrivati”.

Fai un saluto ai lettori di Outsider:

G: Un caro saluto ai lettori di Outsider e sempre….Buona musica!


Ringraziamo Giuseppina e tutto il suo staff per la gentilezza e disponibilità! 
Infine vi consigliamo di seguirla costantemente per restare sintonizzati su tutte le sue news.

Buona musica a tutti!

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…