Passa ai contenuti principali

"Sempre solo noi" #RAFT #StayFunk

"Nel cuore della gente, nel cuore della notte, lo griderò più forte...
 insieme nonostante tutto, sempre solo noi.
Giornate nere, notti in bianco, ma ogni botta presa fianco a fianco, stringendo i denti, mai crollando quanta strada abbiamo fatto... Ho fatto una promessa fa'....."

Oggi vi voglio parlare di quattro ragazzi che hanno avuto il coraggio di far vedere al mondo intero, la loro grande passione per la Musica, quattro amici che sono partiti con umiltà e tanta voglia di trasmettere al pubblico, per la loro avventura.

Tutto è nato per caso, o forse no, penso che ogni sogno non nasca mai senza motivo, perché è il riflesso di quello che più vogliamo realizzare nella vita, e, con tutta la loro forza, hanno iniziato a scrivere la loro storia, una storia scritta a quattro mani, a quattro cuori, si sa l'inizio ma non la fine.

"E' per la Musica che ho scelto di combattere", non c'è frase migliore che li descriva, spinti dalla musica stanno e hanno superato tante sfide, stanno attraversando la loro strada in salita, che sono certa sarà piena di soddisfazioni e traguardi, e vi assicuro che guerrieri come loro non mollano di certo!

Bene, se ancora non avete capito di chi sto parlando ecco altri piccoli indizi....

Il loro acronimo "Run Away From Treblinka", il loro sound unisce quattro generi diversi tra loro.
Hanno il Funk e l'hip hop nel sangue e hanno preso parte all'ultima edizione di "Amici di Maria de Filippi"
 
Sono lieta e felice di presentarvi i RAFT!
Rispettivamente Idea (MC), Giorgio LC Bruno (chitarra e voce), Armando Resta (batteria) e Corrado Murolo (basso).
Prima di iniziare questa piccola intervista e come rappresentanza di tutta la band, avremo Matteo (Idea mc), fra di noi per rispondere alle nostre piccole curiosità, immergiamoci nella loro storia, fatta di traguardi e soddisfazioni, di tanto lavoro e talento!
"I RAFT (Run Away From Treblinka) nascono dalla fusione di due precedenti progetti,
"Anonimi." e "Tuttisanti" più un terzo progetto rap indipendente della voce del gruppo:
 ''Idea''.
L'obiettivo dei RAFT è spiazzare l'ascoltatore, e il mezzo è la costante ricerca del
 suono giusto, della parola che impressiona, per questo le sonorità mischiate partono
 dal groove tipico del funk e arrivano a quelle più dure dell'Hard Rock, passando
ovviamente dal rap, e dalla valanga di liriche che accompagnano tutti i loro brani.

 La formazione attuale vede Matteo Spadavecchia alla voce, Giorgio Bruno alla chitarra,
 Corrado Murolo al basso, Armando Resta alla batteria.
Il 31 maggio 2014 è uscita MàndocA, la prima demo dei RAFT, disponibile in streaming online su SoundCloud.

 Il 2 agosto si classificano primi al Molfetta Fashion Music Contest, convincendo
 pubblico e giuria, composta anche da Salvatore Cafiero, anche chitarrista di Gianluca
Grignani, vincendo un videoclip realizzato da Roberto Tafuro, regista dei video di
Caparezza e Apres la Classe, la cui uscita è prevista per maggio 2015.

 Il 21 settembre sono primi anche al contest Note Democratiche, vincendo una consulenza
 dalla Sugar Music.
 Il 16 dicembre dello stesso anno ultimano il loro primo EP intitolato Hard Times,
 che a breve sarà presente in tutti i circuiti di distribuzione online."
Ed eccoci al momento che tutti aspettavamo dall'inizio, ma prima, vorrei ringraziare di cuore tutta la band, per la gentilezza e per essersi prestati per questa intervista.
Ho avuto modo di conoscerli e sono persone davvero speciali, solo guardandoli negli occhi si nota subito quel luccichio di chi crede fermamente nel proprio sogno, di chi davvero ha la musica dentro.
 
Ma bando alla dolcezza e prepariamoci come si deve ad accogliere i RAFT, in rappresentanza
Matteo, tra di noi!
Alziamoci tutti in piedi per una bella standing ovation e via gli applausi.
Pronti... 3,2,1 Stay Funk!

- Come è nato il vostro progetto e come vi siete conosciuti?

Il nostro progetto è nato un anno e mezzo fa', ci siamo conosciuti appunto nell'ambiente
musicale,tramite locali ed è nato tramite il contatto di Corrado, che mi ha contattato.
io facevo rap, in maniera indipendente.
E all'inizio c'era Corrado che suonava il basso insieme ad Armando,e poi si è
aggiunto Giorgio.
-L'esperienza ad Amici è stata una grande vetrina per voi, cosa avete provato alla vostra entrata e come è stata la commissione con voi?

La commissione è stata severa,ci siamo divertiti un sacco, abbiamo provato tante
sensazioni, sopratutto di gioia. Belle emozioni e belle sensazioni.
 Dopo che ho suonato il resto della band, è andata via, ma appena
ci siamo ritrovati li ho abbracciati,ci siamo picchiati ( amichevolmente ovviamente :P),
ci siamo messi a ridere... è stato figo, davvero figo!
-Parliamo di sogni, qual'è il sogno che ancora non avete realizzato?

Il mio sogno è portare la musica underground e quello che faccio ovunque, i concetti veri, e non
quelli che vengono camuffati dalla musica commerciale, quindi essere schietti, diretti,
aver il sound e arrivare alla gente in maniera più umile possibile, nella maniera  più diretta
 possibile facendo capire quello he voglio trasmettere nei miei testi ma lasciando anche
libera intepretazione alla gente.
Riempire Stadi, questo è il sogno più grosso, anzi non è nemmeno un sogno, è un obbiettivo.
Il Sogno appunto è arrivare alla gente!

-La vostra band ha un sound originale e unico, ma cosa vorreste trasmettere a chi
vi ascolta? E che sensazioni provate quando suonate insieme?

Vogliamo trasmettere la serietà e la verità, vogliamo divertirci, Stay Funk, quindi il
funk, il groove, noi suoniamo per divertirci e non suoniamo per scopi, suoniamo
perchè a noi piace fare musica, piace divertirci e divertire anche il nostro pubblico.
perchè se ci divertiamo noi anche il pubblico è coinvolto.
Quando suoniamo siamo gasati, ci divertiamo, è bellissimo, ed è la classica sensazione
che se tu ci pensi dici "No è indescrivibile spiegarlo", però è bello, davvero bello,
siamo contenti quando suoniamo.
-Grazie mille per questa piccola intervista, augurandovi il meglio,
 cosa consigliereste a chi come voi vuole intraprendere la vostra stessa strada?
E un piccolo saluto ai lettori del blog.
A chi vuole intraprendere questa strada, consigliamo di essere umili, ascoltare tutta
la musica possibile, io non ascolto soltanto il rap, il funk ma ascolto tutta la musica.
Dal neo melodico al latino americano, fino ad arrivare anche alla musica ucraina.
Per esempio consiglio i "Takabro",un gran bel gruppo ucraino, che fanno musica popolare.
Ascoltate tutta la musica, abbiate un bagaglio più ampio possibile, e inoltre siate
rispettosi degli altri ma soprattutto divertitevi, se non ti diverti non arrivi, se non
ti diverti non arrivi da nessuna parte.
Questo è il messaggio che vogliamo dare, e un saluto a tutti i lettori!
Bene cari amici, dopo quest'ondata di positività ed energia, ora tocca a noi sostenere la band perché la sfida più grande inizia qui!

Quindi non ci resta che restare sintonizzati su tutti i loro canali ufficiali, lasciare un like alla loro pagina ufficiale e non perderci nessuna news in pieno stile Funk!

Mandiamo in vetta questi ragazzi, e noi di Outsider li sosterremo sempre, in tutto e per tutto!

Prima di lasciarvi alla loro musica e al loro talento, volevo personalmente ringraziarli, perché mi hanno insegnato a lottare con le unghie e i denti, credendo in me stessa, andando dritta verso l'obbiettivo.
Mi hanno insegnato a non nascondermi più dietro mille insicurezze, a non avere più paura di dire quello che si pensa.
Mi hanno insegnato a credere in un sogno, crederci veramente senza farsi abbattere.

E ora aprite il cuore, cuffiette alla mano, pronti ad essere travolti dal loro sound?

Lets go and #stayfunk sempre!

al prossimo post!

TUTTI I LINK UTILI PER SEGUIRE I RAFT:

Official Facebook Page: https://www.facebook.com/raftmolfetta/?fref=ts

Youtube channel: https://www.youtube.com/watch?v=T8g4aatnUKA

FB Official Group: https://www.facebook.com/groups/RaftOfficialGroup/?fref=ts

 
 



 

 
















Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…