Passa ai contenuti principali

Dopo una fine c'è sempre un nuovo inizio...


Come tutte le storie si ha sempre un inizio e una fine, un C'era una volta che si è moltiplicata per mille in questo anno, un racconto, dei ricordi e chi è qui a raccontarli, qualche scarpetta rotta di troppo, ma anche tante lotte vinte e piccole soddisfazioni prese.
Ultimi giorni di questo 2017 e si tirano le somme come è rito fare, e ammetto di averci pensato più del previsto prima di mettermi a scrivere e condividere qui, nel mio angolo di mondo, tutto quello che è stato e che spero sarà migliore.
Quest'anno è iniziato nel freddo di Legnano, si, ma al concerto di una delle band che mi è accanto da dieci anni a questa parte, Finley, musica, amici, e anche qualche linietta di frebbre, ma entra di diritto nella top ten dei ricordi più belli, ed essere qui a riviverlo fa spuntare un sorriso.
Questi mesi sono stati caratterizzati da alti e bassi, da persone che ho conosciuto e da altre che se ne sono andate, da chi conosco da anni e che oltre ad essere amici sono parte della famiglia, e da chi ho incominciato a conoscere ma che fin da subito è riuscito ad esserci, sinceramente e che mi auguro resteranno nella mia vita ancora per molto.
Mi sono tolta qualche sassolino dalla scarpa, ho raccolto qualche soddisfazione e reso concreto qualche mio piccolo sogno nel cassetto.
Ho fotografato, vissuto esperienze uniche sotto quei palchi che tanto amo, ho incontrato artisti che mai avrei pensato di poter anche solo vedere, mi sono emozionata ai loro concerti, tra "tre brani oltre transenna senza flash" e momenti di backstage.
Sono cresciuta, sopratutto nell'ultimo periodo, negli ultimi giorni di questo anno, dove un tuo punto di riferimento vola in cielo e lascia un vuoto che ancora adesso rimbomba, ti fermi e capisci cosa è davvero importante, cosa sono le tue priorità, e quali sono le persone su cui contare davvero e chi c'è solo per convenienza, cambi modo di pensare, ragioni diversamente, e dai spazio più alla mente che al cuore per paura di soffrire ancora, la diffidenza aumenta e...
Non sarà per caso che sono pronta al mondo dei grandi?
Quello grigio e cupo che descrive Peter Pan nei suoi racconti?. 


Sono riuscita a vincere, seppur per un breve periodo, le mie gambe, le mie odiose gambe, rincominciando a ballare, a ritornare in pista, quella pista che tanto mancava, a gareggiare essendo quella me stessa che non si vede tutti giorni, quella senza paure e sicura di sè perchè sta facendo esattamente quello che la fa stare bene.
Per poi smettere e rivedermi, ancora una volta, l'ennesima, faccia a faccia con il fermarmi e il dover affrontare un'altra operazione, ma come si dice, "Non c'è due senza tre?"... Ecco forse l'ho presa un po' troppo alla lettera.
Ma di questo se ne riparlerà nel 2018.

I riassunti non sono nel mio dna, ma non posso finire senza ringraziare, voi, tutti voi, sapete benissimo chi siete, che non mi avete lasciata sola neanche un secondo in questi mesi, che avete condiviso gioie, lacrime, abbracci, felicità e momenti di difficoltà.
Grazie a chi mi ha dato la forza per non mollare e la voglia di crederci qualunque cosa succedesse.
Grazie alla musica, ormai parte fondamentale di me, alle band e ai cantanti che da anni sono nel mio cuore.
Grazie alle esperienze che ho vissuti grazie a loro, i 20 anni dei The Sun, in quel di Parma con tutti gli altri spiriti del sole, i concerti di quei pazzi dei Finley, ma anche l'emozioni create da Andrea cerrato o dall'energia creata dai Raft, per citarne solo alcuni.
Grazie, infinitamente Grazie.
Sono grata davvero per ogni cosa, persone, momenti vissuti, che ci sono stati e ci saranno.
E che mi porterò nel cuore anche nel nuovo anno.


Vi auguro di vivere a cento all'ora, di viaggiare, sognare, amare, ridere, voler bene a chi merita e circondarvi di sincerità e allegria. 
Vi auguro di avere la forza sempre o qualcuno che riuscirà a donarvi la propria. 
Vi auguro il meglio, il meglio per un nuovo anno. 
Il meglio per questo libro bianco fatto di 365 pagine da scrivere. 

Con tutto il bene possibile.. Auguri. 

La vostra Vale.



Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Valerio Scanu si racconta, tra nuovi progetti e tanta musica. #musicinterview

Quest'oggi avremo un grande ospite speciale.
La parola chiave che lo caratterizza è la Musica, lo abbiamo visto protagonista nelle prime edizioni del programma "Amici di Maria De Filippi", per poi continuare a spiccare il volo raggiungendo traguardi nella scena musicale italiana, tutto con le sue forze, fondando addirittura la "NatyLoveYou" un'etichetta discografica indipendente. Dopo "Ed Io", è pronto a lanciare "Capovolgo Il Mondo", un altro singolo e anche se per il momento non ci può anticipare molto, nel corso dell'estate registrerà il nuovo album che uscirà subito dopo il tour estivo.

Lui è Valerio Scanu, si racconterà, tra nuovi progetti, nuovi brani e nuove emozioni.
Diamogli il nostro più caloroso benvenuto e iniziamo!


Ciao Valerio! A pochi mesi di stanza da “Ed Io”, torni con un nuovo singolo, “Capovolgo il mondo”. Cosa ti senti di comunicare con esso? 

V: Il bisogno di leggerezza e la voglia di stare assieme. Il brano è un i…

Un viaggio nella musica con Giada Agasucci #Musicinterview

La protagonista quest'oggi, che sarà con noi, unisce la sua energia con quella della musica per creare magia ed emozionare chi l'ascolta.
La seguiamo dai suoi inizi ed è un grande onore poter condividere le sue emozioni e l'uscita del suo nuovo singolo "La mia Itaca", che segna il continuo di un percorso musicale pieno di successi e soddisfazioni.
Lei è Giada Agasucci, diamole il nostro più caloroso benvenuto e...Iniziamo!


Partiamo dagli inizi, come è nata la tua passione per la musica e qual è il primo ricordo legato ad essa? 
Non saprei dire quando è nata la mia passione per la musica, la musica ha sempre fatto parte di me. Probabilmente il primo ricordo che ho è quello di mio nonno che mi fa ascoltare la musica romana, tutti gli stornelli della tradizione popolare. 
Li ascoltavo rapita e affascinata.

"La mia itaca" il tuo nuovo singolo, come lo descriveresti in tre aggettivi?
Coinvolgente, carico, entusiasmante

E appunto partendo dal nuovo singolo, cosa…