Passa ai contenuti principali

Francesca Michielin Tour 2018 #musicnews



 Crediti foto Francesco Prandoni

Dopo l’anteprima di Parma, al via sabato 17 marzo dal Fabrique di Milano, primo dei cinque incredibili sold out, il Francesca Michielin Tour 2018, la nuova esperienza live di Francesca Michielin nei principali club di tutta Italia, prodotta e distribuita da Live Nation.
Francesca Michielin Tour 2018 è una grande avventura che porta l’ecletticità e la maturità artistica di Francesca in giro per l’Italia, un tour che ha già fatto registrare cinque tutto esaurito prima del debutto e due raddoppi per le date di Roncade (New Age, 28 marzo SOLD OUT e 29 marzo) e Roma (Teatro Quirinetta, 12 aprile SOLD OUT e 13 aprile) .


 La cantautrice e polistrumentista porta sul palco per la prima volta dal vivo 2640, il suo ultimo album di inediti pubblicato lo scorso 12 gennaio su etichetta Sony Music che ha raggiunto, con i precedenti singoli Vulcano e Io non abito al mare, la soglia dei 15 milioni di stream su Spotify.
È uno spettacolo che unisce il mondo del live electronics a quello pop/rock, per una scaletta ricchissima di oltre 20 brani tutti suonati live, senza l’utilizzo di sequenze e riprodotti in una chiave di ascolto inedita. Francesca e la sua band hanno a disposizione nella loro postazione, oltre agli strumenti tradizionali, le rispettive varianti elettroniche per dare a ogni esecuzione nuove sfumature in una dimensione unica.
Francesca, che suona come sempre tastiere, chitarra e basso, oltre al timpano e al TC helicon si avvale dell’utilizzo di un launchpad con cui prepara, lancia, looppa, e ferma i campionamenti rigorosamente catturati dal vivo.

La band che la accompagna sul palco è quella storica: alla batteria e batteria elettronica Maicol Morgotti, Luca Marchi al basso, pianoforte e synth, e Eugenio Cattini alla chitarra e synth.
Il live, come 2640, si apre con Comunicare, un manifesto programmatico che valorizza lo scambio, l’incontro. Si prosegue poi con Battito di Ciglia per poi tornare alle sonorità calde di Tropicale, brano firmato da Calcutta e Dario Faini.
La scaletta spazia ampiamente tra nuove produzioni e brani del repertorio di Francesca, passando da Io Non Abito Al Mare -stabile nella top50 dei brani più ascoltati su Spotify e recentemente certificato disco d’oro- al nuovo singolo Bolivia e a Due Galassie, fino a L’Amore Esiste e Distratto, il brano con cui è partita l’avventura musicale di Francesca.


 Dopo Un Cuore In Due, si torna su 2640 con E Se C’era…, col suo testo firmato da Tommaso Paradiso che incoraggia a guardare avanti lasciandosi alle spalle quanto di negativo tenta di bloccarci, Scusa Se Non Ho Gli Occhi Azzurri e l’“elogio alla lentezza” di Noleggiami Ancora Un Film.
Un salto nel passato con Nessun Grado Di Separazione, Tutto È Magnifico e Amazing prima di arrivare a Monster, brano di Kanye West rivisitato da Francesca con un insert firmato da lei che dà continuità all’“aggressività rap” del testo originale. Si prosegue poi abbracciando altri tre brani appartenenti al mondo di 2640: Tapioca, con i campionamenti in lingua ghanese realizzati da Cosmo, Alonso, l’unico brano in cui si mette da parte l’elettronica per riscoprire l’intimità di un’esibizione piano e voce, fino a Vulcano, singolo apripista dell’ultimo progetto musicale.

In ogni tappa del tour, Francesca Michielin si porterà dietro non solo il bagaglio musicale di 2640 ma anche quello visuale. L’aspetto scenografico del live, pensato da Giò Forma insieme a Francesca, è infatti fortemente stilizzato e ruota attorno al logo del disco, i tre triangoli simbolo (il Vulcano rosso, come le parole più crude da comunicare; il Mare, blu e caotico, da imparare a ascoltare; la Montagna, alta, dove si arriva sulla cima solo per provare a immaginare).

Δ∇Δ si trasforma così in un’installazione iconica che sprigiona luminosità e che caratterizza la scena con giochi di luce, anche laser, e cromie. Ogni triangolo al suo interno contiene tanti triangoli, in una struttura che richiama il tangram, gioco semplice ma raffinato, e che diventa anche interattiva: la loro illuminazione in alcuni momenti del live è comandata direttamente da Francesca attraverso la tastiera che sta suonando.

Ospiti d’eccezione per Francesca, durante il tour saliranno sul palco con lei anche tre artisti amici. Nelle prossime date arriveranno infatti, Mecna a Modugno (BA), Tommaso Paradiso in occasione della seconda data al Teatro Quirinetta di Roma, e Ghemon a Napoli.



2640 è anche un album che produce ossigeno! Infatti, in collaborazione con Treedom - l’unico sito che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online, andando a finanziare direttamente contadini locali in giro per il mondo - gli streaming dell'album si traducono in veri e propri alberi piantati da Francesca. 2640 è diventata quindi una foresta in Kenya, che viene arricchita con un nuovo albero ogni 200.000 streaming. Ad oggi sono stati piantati 125 alberi, visti gli oltre 15 milioni di streaming dell’album.

Radio Italia è radio partner del Francesca Michielin Tour 2018.
Le prevendite degli appuntamenti con Francesca Michielin Tour 2018 sono disponibili su Ticketmaster.it, Ticketone.it e tutti i punti vendita autorizzati.

Si ringrazia l'ufficio stampa Goingest.

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…