Passa ai contenuti principali

GABRIELE HINTERMANN “StriScie Chimiche” è il nuovo singolo in duetto con Matteo Gabbianelli




 In arrivo il nuovo videoclip del cantautore Gabriele Hintermann con la sua formazione Hintermann e gli Sciamani (Danilo Ombres alla batteria, Alessio Ramaccioni al basso, Francesco Carretti alla chitarra solista, Marco Marracci alle tastiere e synth, Luca Padellaro ai sassofoni) con la partecipazione speciale di Matteo Gabbianelli, cantante dei Kutso, e quella del sassofonista romano Gabriele Coen.

Il delicato tema delle scie chimiche viene trattato e messo in discussione in una canzone che pone delle domande chiave sulla questione: esisteranno davvero? Cosa sono quelle righe bianche in cielo?
Un preoccupato personaggio complottista (Gabriele) dialoga con un altro personaggio più scettico sulla questione (Matteo) e nel video gli stessi protagonisti con gli altri membri della band (Hintermann e gli Sciamani) cercheranno di fermare un batterista impazzito che sparge scie chimiche ovunque. Come finirà? Chi vincerà?
Il videoclip ufficiale prodotto da Moonchausen con la regia di Lulù Cancrini e Marco Varriale è stato realizzato con la tecnica d’animazione del cut-out e non solo.

https://youtu.be/njQh9UGs8vE 

Il concept del video ci è apparso subito chiaro dopo aver ascoltato la canzone StriScie Chimiche di Hintermann e gli Sciamani.
 Il loro approccio creativo libero, gioioso e vibrante - unito alla grande capacità tecnica musicale e di scrittura ci ha subito spinti a cercare spunti in quelli che sono stati i nostri cartoni animati e videogiochi dell’infanzia.
Abbiamo giocato anche noi a mischiare generi e stili differenti, questa volta nel campo visivo e delle tecniche di animazione, cercando di armonizzarli per restituire visivamente lo spirito suggerito dal brano.
Partendo dall’idea di voler usare il disegno come forma immediata per veicolare il messaggio, ma convinti a voler presentare i volti della band che con questo videoclip si presentano al pubblico, siamo giunti alla conclusione che alla base di tutto ci dovesse essere la tecnica di animazione cut-out con cui abbiamo potuto sovrapporre fotografie ritagliate, realizzate da Dario Scaramuzzino, e disegni, affiancandola però con la cell animation (l’animazione tradizionale con cui si facevano i cartoni animati disegnati a mano) e l’animazione digitale.



Abbiamo poi pensato di caratterizzare i nostri musicisti con tratti che rimandassero al mondo degli sciamani, facendoci aiutare dal trucco facciale di Giovanna Carchia.
 La storia prende direttamente ispirazione dalla metafora che utilizza la canzone stessa, le scie chimiche, sviluppandola in chiave ironica.
 I nostri protagonisti mettono in scena la produzione di queste inquietanti presenze nel cielo e il tentativo di porre rimedio al problema.
In fondo il messaggio di base è quello di pensare con la propria testa, e che, anche se non sappiamo se i nostri eroi riusciranno a sconfiggere il malvagio produttore di scie chimiche, gli sciamani portano la cura, almeno per le anime, la loro musica.
Lulù Cancrini e Marco Varriale per Moonchausen.
Il brano che fa da apri-pista a quello che sarà il primo album ufficiale di Gabriele Hintermann (dal titolo Laprimaveramente) è stato registrato presso lo studio di Totosound a Roma e successivamente mixato nello studio di MMfactory da Fabio Lanciotti.

https://www.facebook.com/hintermanneglisciamani/ -
https://www.instagram.com/gabrielehintermann/

Grazie a Samatha Suriani per il comunicato stampa. 

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…