Passa ai contenuti principali

I Kobaan,due chiacchiere con un giovane trio. #musicinterview




Quest'oggi con noi avremo un trio,che sta facendo della musica il loro sogno, concretizzandolo giorno per giorno. 

Un trio elettro-pop composto da Loïc Babbini (batteria e percussioni), Daniel Cantos (tastiere e produzione) e Walter Coppola (voce e chitarre), nato nel 2014 e che ha collezionato tante vittorie ed esperienze. 
Usciranno con il loro nuovo videoclip, "Notti e temporali", il 12 marzo e il brano sarà disponibile in tutte le piattaforme digitali dal 16 dello stesso mese. 

Siamo felici di presentarvi i Kobaan e chi meglio di loro per descriversi e condividere le proprie emozioni? 

Diamogli il nostro più caloroso benvenuto e iniziamo!


Ciao ragazzi! Siete così giovani eppure lasciatecelo dire...SPACCATE! 
Come mai questa scelta di un sound elettro-pop? Vi piace osare?

Grazie mille! La scelta di queste sonorità deriva dal fatto che Walter viene da un mondo pop-acustico, mentre Loïc e Daniel hanno forti influenze dall’indie e dall’elettronica. 
Unire questi mondi, che sembrano diversi è stata ed è tuttora una bellissima sfida, perché i tratta di saper trovare ed unire i punti in comune fino ad arrivare ad un ibrido che ci rappresenta.

 Loïc e Daniel voi vi conoscete già dal 2014!
 Come vi siete conosciuti con Walter? E com’è nata l’idea di coinvolgerlo nei Kobaan?

Eravamo alla ricerca di un cantante e quando abbiamo visto un video cover di Walter ce ne siamo subito innamorati, una voce davvero unica che faceva al caso nostro! 
Grazie al suo timbro e ai suoi gusti ci siamo immersi nell’universo musicale che oggi ci rappresenta, l’elettro-pop appunto.

  “Quello che resta di noi” può essere a detta di alcuni il solito brano scanzonato che parla di amore...d’altronde però gira tutto attorno all’amore? 
Che sia adolescenziale o meno...quanto conta per voi e la vostra musica, l’amore?

Non è solo la musica a girare attorno all’amore, ma è tutta la vita. 
Tutte le piccole azioni quotidiane sono mosse da questo profondo sentimento, dal bere un caffè a guardare la luna; tutte azioni che derivano dall’amore verso noi stessi e verso gli altri. 
Dato che la musica deve parlare alle persone il modo migliore per parlarci è, appunto, l’amore, sentimento universalmente compreso e condiviso.

 L’album invece uscirà a breve...avete già una data? O potete dirci qualcosa di più a riguardo?

Non sappiamo ancora quando uscirà l’album, possiamo però anticiparvi che siamo già al lavoro per il prossimo singolo. 
Quando vediamo che la gente apprezza la nostra musica, ci viene sempre grandissima voglia di lavorare e scrivere nuovi pezzi!

 Nell’estate del 2017 vi siete esibiti al concorso Promuovi la tua Musica vincendo il “premio compilation” e partecipando al Premio Lunezia riuscendo ad arrivare in finale grazie al brano La Terra e il Sole... Quali sono state le vostre emozioni a caldo?

Suonare al Premio Lunezia è stata un’esperienza davvero unica dato che subito dopo di noi sono saliti sul palco Ghali e TheGiornalisti. 
Esibirsi davanti a qualche migliaio di persone è una sensazione incredibile che ti trasmette emozioni straordinarie… bellissimo!

 Domanda di rito. Cosa consigliereste a chi come voi vorrebbe intraprendere la strada della musica? Fate un saluto ai lettori di Outsider.

Come in tutte le cose, nella vita se non c’è sacrificio e voglia di faticare è difficile emergere ed ottenere ciò che si vuole. 
Nella musica vale lo stesso, solo attraverso dedizione e voglia di fare si può sperare di raggiungere qualche buon risultato, e a volte potrebbe anche non bastare.

È stato un piacere fare questa bella chiacchierata assieme a voi, speriamo di rivederci con qualche novità, a presto!



Ringranziandoli e ringrando tutto il loro staff, e augurandogli tutto il meglio vi invitiamo a seguirli su tutti i loro canali ufficiali.

Buona musica 

LINK KOBAAN: 
Facebook: https://www.facebook.com/officialkobaan/
Instagram: https://www.instagram.com/officialkobaan/

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…