Passa ai contenuti principali

ANTONIO LANGONE "Mostri" anticipa l'uscita dell'album "Oltre gli alberi ci sono le stelle"



Mostri è il nuovo singolo di Antonio Langone tratto da Oltre gli alberi ci sono le stelle, album che verrà presentato a L'Asino che vola a Roma (via Antonio Coppi 12/D) giovedì 3 maggio. Con lui sul palco Antonio Lana (batteria e pad), Michele Bellanova (chitarre elettriche), Roberto Sanguigni (basso elettrico) e Luca Bellanova (piano e tastiere). Non solo. Ci saranno anche degli ospiti speciali come STAG, Lontano da qui eDAP.
Mostri nasconde il vuoto dietro un sorriso, il ghiaccio dietro gli occhi. Questa canzone scompiglia, parla di acque senza corrente, di immobilità costante, di formiche sopra i sensi a confondere i giorni. Non esistono recinti, non esistono circonferenze, siamo soli e nudi in preda alle intemperie. In questo brano si affronta l'esperienza del dolore. La cura del dolore. Il dolore non è altro che un affetto, un sentimento. Un sentimento per se stessi, un momento personale in cui guardare in faccia tutti i fantasmi, iniziare a chiamarli con il proprio nome. I mostri ci spaventano, ma ci rendono uomini. In Mostri ci si mostra fragili per riscoprirsi consapevoli.




Oltre gli alberi ci sono le stelle è un disco per chi è troppo figlio per essere padre, per chi è troppo figlia per essere madre. Tante le paure, troppi gli smarrimenti, le strade cambiate all'ultimo secondo. Molte le porte aperte, ma troppi i balconi chiusi. Tante le cose perse. Un disco scritto in una stanza vuota, con tanta polvere ad impastare la bocca e i pensieri. Un disco, però, che all'improvviso va alla ricerca di responsabilità, che si vuole liberare dell’incertezza, che vuole proteggere, proteggersi e, per assurdo, trova questa protezione in un bosco, di notte, alla ricerca delle stelle.
Oltre gli alberi ci sono le stelle è un disco dedicato a chi sa affacciarsi dal finestrino, per chi sa guardare oltre la staccionata, per chi rischia. Un viaggio per capire che le paure saranno le nostre più fedeli compagne di strada, non si può prescindere dalla loro presenza, se così fosse non potremmo apprezzare il gusto di un respiro profondo. Poi, se c’è tanta luce ci sarà anche tanta ombra. Quell'ombra siamo pur sempre noi, niente panico, è solo un nostro riflesso.
"Io l’ho accettato. Io ho accettato la mia ombra, il mio oscuro passeggero, lei, lui ha accettato me. Sono figlio e lo sarò per sempre, ma con questo disco sono diventato un po’ padre".



Si ringrazia Samantha Suriani per il comunicato stampa.

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…