Passa ai contenuti principali

"2 minuti di calma" insieme ad Edwyn Roberts #musicinterview



Lui è uno che non ha fretta, preferisce aspettare, non avere tutto e subito ma quando agisce lo fa con cognizione di causa ed è sicuro di ciò che propone al pubblico.

Così, dopo aver scritto per Big come Laura Pausini, Giusy Ferreri, Arisa, giusto per citarne alcuni, finalmente è pronto ad uscire con la sua “2 minuti di calma”.
Un caloroso benvenuto ad Edwyn Roberts! 


Ciao Edwyn! Dunque, come ti senti, ad uscire finalmente sul mercato con un brano tutto tuo? 


E: Mi sento bene. Sono contento, fiducioso e sereno. Ho aspettato tanto per questo momento ma è bello quando aspetti tanto qualcosa e poi arriva finalmente il momento in cui ti senti strutturato, consapevole, corazzato e con quella piccola dose di coraggio dici “okay, via, partiamo”.
Così eccoci qui, con “2 minuti di calma”.
Mi sento felice. Spero che siano contente anche le persone che stanno ascoltando il brano, in questo periodo. 



 In “2 Minuti di Calma”, si è voluto parlare di quanto sia bello non ottenere tutto e subito, assaporare le piccole cose, prendere i tempi necessari, tra l'altro, come da te, affermato.
Credi nel detto di chi va sano, piano e lontano? 


E: Sì, diciamo che involontariamente, ho assecondato questo detto. (ride.) 

Dopo “2 Minuti di Calma”, ci dobbiamo aspettare un album? Ci puoi anticipare qualcosa? 


E: Beh, credo che nel momento in cui un artista decide di uscire con un pezzo poi, sia abbastanza tra le righe il fatto che ci sia un progetto alle spalle. Quindi, mi sento di dire che Sì, c'è un album in cantiere, ma mi sento anche di dire che per ora c'è questa canzone che sicuramente mi dà la possibilità di testare un po' il terreno. E' un momento in cui sono molto pieno di energie riguardo a tutto ciò che comprende questo progetto musicale, quindi anche se non so dare una data precisa, spero che il mio disco uscirà presto. 


 Negli ultimi tempi, hai scritto per Big, come Laura Pausini...che sensazioni hai provato? 
 Sai, magari da ragazzino l'ascoltavi ed ora addirittura ti sei ritrovato a collaborare con lei... 


E: Assolutamente sì. E' proprio una figata! Sono quelle cose che succedono e magari mentre le stai vivendo dici “oddio, che cosa incredibile!”, poi ci ripensi e dici anche “oddio, ma è successo davvero?” e ti senti veramente privilegiato. Talmente tanto, che ti senti quasi in “colpa”.
Sono certo però, che la fortuna faccia molto ma in un certo senso devo essere anche oggettivo e riconoscente con me stesso e dire “cavolo! Forse un po' me la sono meritata questa opportunità”, quindi sono privilegiato e consapevole di essere stato fortunato ma d'altra parte consapevole di essere stato bravo nel giocarmi le carte al momento giusto, nel posto giusto, come si suol dire. Credo che ne sarò eternamente grato per tutto.
Per me d'altronde la musica, è una cosa di grande responsabilità. Non posso prenderla sotto gamba e non penso che riuscirò mai a prenderla in maniera superficiale. 


 Ogni tanto ti guardi indietro pensi un po' all'esperienza vissuta ad “Amici”? 


E: Ogni tanto mi capita di pensarci. Ci penso con un occhio positivo, nel senso che è stata una bella esperienza, una grande “terapia d'urto”, io la chiamo così. Mi è servita tanto e come ogni esperienza forte, poi ti segna e fa sì, che tu possa intraprendere un percorso con le spalle più larghe.
Amici le ha tutte: è un'esperienza umana e artistica. 


 Domanda di rito: Cosa consigli a chi vuole intraprendere la propria strada nel mondo della musica? 


E: E' sempre una domanda molto strana perchè non ti sembra mai di essere all'altezza per consigliare qualcosa a qualcuno, però nel mio “piccolo”, io credo che la cosa più importante per un ragazzo che decide e vuole fare musica è che la faccia se ha realmente qualcosa da dire, se realmente ha un'esigenza veramente “carnale” per la musica, per la comunicazione. Che lo si faccia quando veramente c'è l'esigenza di farlo, perchè anche io spesso ho il terrore di ritrovarmi un giorno (per fortuna non ancora), a fare canzoni, a fare musica perchè magari va fatto ma non è così.
La musica non va fatta perchè qualcuno dice così. La musica si fa quando veramente si ha l'esigenza e la condizione emotiva per poter dire e comunicare qualcosa. E' una cosa molto importante per me questo messaggio. 
La musica è potente e come ogni cosa potente va usata con responsabilità. 


Fai un saluto ai lettori di Outsider. 


E: Un saluto con grande affetto ed un abbraccio a tutti i lettori di Outsider! 





Con la speranza di avere presto una data per la pubblicazione del suo disco da solista, facciamo un ringraziamento speciale ad Edwyn per aver chiacchierato con noi di Outsider ed al suo ufficio stampa

Post popolari in questo blog

Sanremo 2018: Vittorie ed emozioni.

Sanremo 2018. Un'edizione tanto discussa quanto acclamata e attesa, si è conclusa. Con a capo Claudio Baglioni, nel suo ruolo di direttore artistico, e al suo fianco Michelle Hunziker insieme a Pierfrancesco Favino, ha fatto parlare di sé.  La musica, come ogni Festival che si rispetti la faceva da padrona, tra gli artisti in gara, ospiti e molti stacchi con le canzoni del direttore artistico, appunto, che ha creato magia ed emozione nei momenti di pausa dalla gara, accompagnato anche da molte gag, della presentatrice e dell'attore al suo fianco.  Ma parliamo della cosa più importante, la musica!   I vincitori assoluti sono stati Ermal Meta & Fabrizio Moro con "Non mi avete fatto niente", un brano con un testo forte, emotivo e di grande impatto, un messaggio di pace e di libertà, arrivato al massimo, grazie al talento e alla bravura di tutti quelli che ci hanno lavorato in questi mesi. L'interpretazione dei due cantanti, in tutte le serate è stata ineccepibile, …

"Perchè la Musica è sempre uno Spettacolo": Con noi..Tony Maiello! #musicinterview

Oggi, il nostro piccolo angolo di mondo ospiterà uno degli artisti, che noi personalmente amiamo e stimiamo fin dai suoi inizi, che la sua grande passione per la musica lo ha portato a far emozionare chi lo ascolta, con la sua voce e la scrittura dei suoi testi. 

Cantante e cantautore, conosciuto al pubblico agli inizi per la sua partecipazione ad X-Factor e a Sanremo Giovani,  la sua carriera è andata avanti con un susseguirsi di successi, tra i suoi brani amati da chi li ascolta e collaborazioni di scrittura dei testi di artisti come Laura Pausini, Giorgia, Francesco renga, e molti altri. 

Attualmente è tanta l'attesa e l'adrenalina per l'uscita del suo nuovo album, "Spettacolo", in tutte le piattaforme digitali e non, dal 13 aprile. 
E insieme a lui lo aspettiamo con ansia, non vedendo l'ora di ascoltarlo e viverlo a 360 gradi. 

Diamo il nostro più caloroso benvenuto a Tony Maiello, che condividerà a tutti noi le sue emozioni e le sue esperienze musicali. 

Pron…

A tu per tu con.. i Bosco 21 & l'uscita del loro primo album.

La musica riesce ad unire, ad essere condivisa e a creare progetti unici nel loro genere. 
E' questo il caso di un gruppo pop-rock italiano formatosi ad Azzano Decimo (PN) del 2016, per la passione, che si unisce alla necessità di formare una band, con l’intenzione di incidere le proprie canzoni. 

 Loro sono i Bosco 21, e a breve tra noi ci sarà il frotman, Luca Belluz, per condividere esperienze ed emozioni di questo percorso musicale.
Sopratutto, in occasione dell'uscita del loro primo album "Il mondo che non mi piace", Venerdì 9 Marzo, e della loro presentazione a Tarvisio (ud) il giorno seguente, dove vi aspettano numerosissimi per ascoltare i nuovi brani live. 


Dopo questa piccola presentazione diamo il nostro più caloroso benvenuto a Luca Belluz e iniziamo.

 Partiamo dagli inizi, com’è nata l’idea di formare questo gruppo? 
E che origini ha il vostro nome? Ha un significato particolare legato a qualche aneddoto?

L’idea di formare il gruppo è nata da due cose: una canz…