Passa ai contenuti principali

JurijGami: Ah, che passione questi cinepanettoni! #musicinterview


Ha dalla sua, la passione per la musica sin da piccolo ed ora, prima di buttarsi a capofitto con il suo EP, ci vuole far sapere che può tutto, compreso uscire con un singolo sui cinepanettoni.
Lui è JurijGami e in questa chiacchierata ci parlerà un po' di sé, della suo singolo “Christian De Sica” e del suo amore per i cinepanettoni, ovviamente.

Ciao Jurij! Partiamo, togliendoci questa curiosità...Perchè proprio JurijGami?

J: Jurij è il mio nome, quindi la prima parte è scritta così mentre Gami è un gioco di parole. Ci divertiva e l'abbiamo tenuto casualmente. Essendo che ho origini estoni e quindi un nome un po' particolare abbiamo voluto aggiungere appunto al mio vero nome, un gioco di parole.

L'idea di fare la musica e soprattutto di fare un pezzo su un brano un po' insolito come il cinepanettone, invece com'è nata?

J: L'idea di fare musica è nata fin da piccolo perchè mio padre è musicista, quindi sono cresciuto con lui, sempre con il sogno di imitarlo ed un giorno di fare il suo stesso mestiere. Mentre il brano “Christian De Sica” nasce un po' per gioco ma soprattutto perchè è il mio attore preferito. Sono praticamente cresciuto guardando i suoi film.


Christian De Sica”, uscito l'8 giugno, anticipa proprio l'uscita del tuo primo EP. Cosa ci puoi svelare? L'album seguirà questa linea?

J: Magari qualcuno si aspetta una canzone su Massimo Boldi e anche se dispiacere deludere, non sarà così. “Christian De Sica” è una canzone un po' estiva, un po' per rompere il ghiaccio, per farmi sentire. L'album sarà molto diverso, tratterò diversi temi, sempre in modo molto ironico ma seguirà tutt'altra linea, un genere pop.

Tramite i social hai postato una foto proprio con lui, Christian De Sica, in carne ed ossa, facendo appunto sapere del vostro incontro. Raccontaci! Com'è stato? Christian ha ascoltato il brano?

J: L'8 Giugno, sul profilo Instagram ufficiale di Christian è stata pubblicata la copertina del mio singolo. Dopo aver visto il post diciamo che mi sono molto gasato.
Tant'è, che il giorno dopo, invece, quando ha pubblicato anche i luoghi delle riprese, abbiamo deciso in seguito di andarlo a trovare; lui aveva sentito già la canzone, quindi avendo avuto questa fortuna di incontrarlo, mi ha anche riconosciuto, mi ha fatto anche i complimenti, è stato molto molto bello. L'obbiettivo è stato raggiunto, ecco.

Tra il tour di Simone Tommasini, tra il musical Fame Superstars di Paolo Meneguzzi, avrai il tuo bel da fare? Avrai altro da fare?

J: Innanzittutto promuoverò il più possibile il mio pezzo perchè ci credo, ci credo davvero tanto. Oltre a questo, sì, essendo il chitarrista di Simone Tommasini, avremo un po' di date in giro per l'Italia. Speriamo anche appunto di riproporre e riportare in Italia, il musical “FAME Superstars” di cui abbiamo già fatto tre date al Palazzo dei Congressi a Lugano!



Nel tuo brano dici “Christian De Sica...non la senti la magia del cinepanettone?” Qual è, quindi il tuo cinepanettone preferito?

J: Natale a New York penso. Quello li supera tutti, di quelli che ho visto io. Poi chiaramente, la storia dei cinepanettoni è lunghissima, parte dall'83, quindi potrei sbagliarmi. Secondo il mio gusto personale, Natale a New York è quello uscito meglio.

Domanda di rito: Cosa consigli ai giovani che vogliono intraprendere la propria strada nella musica?

J: Consiglio di perseverare, perchè è sempre la ricetta giusta e di crederci sempre. Penso che tutti abbiamo le nostre opportunità, chi molla chiaramente non ci riesce. E' solo una questione di perseveranza. Semplicemente questo.

Fai un saluto ai lettori di Outsider.

Un grosso saluti ai lettori di Outsider, ascoltate “Christian De Sica”, leggete tutti gli articoli, ma prima leggete il mio!


Ringraziamo Jurij per la breve ma intensa chiacchierata. 
Buona musica a tutti!

Post popolari in questo blog

Shade e il suo "TRUMAN" show. #pressconference

Eccoci qui a rendervi partecipi dell'uscita di uno degli album tanto attesi, di uno degli artisti che più stimiamo e a cui siamo più affezionate.
Stiamo parlando di Vito, in arte Shade, che uscirà il 16 novembre con il suo nuovo lavoro discografico, TRUMAN.

Disco contenente tredici tracce, tra cui molti featuring nati in modo molto spontaneo e naturale, ma pensando anche ad arrivare alla scena internazionale, racconta il nostro Shade, alla presentazione di cui abbiamo avuto l'onore di partecipare.
Nomi della scena italiana e non, come J-Ax, Grido, Federica Carta, Nitro, Bouchra, ed Emma Muscat con cui in contemporanea al disco uscirà il singolo realizzato insieme, "Figurati noi" di cui nè conseguerà il videoclip.

Continuando sulla linea dei featuring, Shade spiega di aver scelto gli artisti a seconda di come aveva in mente il brano, a partire dalla collaborazione con Nitro, all'apparenza "rivale" dalla battle di MTV, ma che in realtà racchiude una for…

Shade & Federica Carta e il loro viaggio verso Sanremo! #Musicinterview

Quest'oggi con noi ci saranno due artisti e due persone a cui teniamo molto, che abbiamo avuto il piacere d'incontrare per condividere tutte le loro emozioni e i loro progetti,  prima della  partecipazione al Festival di Sanremo.  Siamo fiere di loro e di poter mettere nero su bianco tutto il lavoro che stanno facendo, in questo periodo, insieme alla soddisfazione di essere nel cast di questa edizione sanremese. 
Ecco a voi,  Shade e Federica Carta che parteciperanno con il brano "Senza farlo apposta",
una storia dove i sentimenti la fanno da padrone e cosi anche i ricordi racchiusi in quelle note.

Ma chi meglio di loro per raccontarsi a cuore aperto?

Mettetevi comodi e iniziamo.


Iniziamo dalla vostra canzone sanremese, com'è il vostro brano? 
Diteci a cuore aperto come lo descrivereste.
E' una canzone d'amore, un'amore un po' struggente, non particolarmente felice o ricambiato, ma vissuto in modo positivo e non in negatività, con un sorriso quasi am…

ULTIMO: Si racconta e ci racconta #ColpaDelleFavole #Interview

In genere cerco di non avere riserve o cambiare giudizio su un artista, solo per alcuni avvenimenti che riguardano la persona, l'essere umano, che sfocia dall'artista in sè. L'artista va ascoltato e giudicato esclusivamente o comunque principalmente per la sua musica. Il resto, per quanto mi riguarda è rumore. Con questa premessa, quando ho ricevuto l'ascolto dell'album, il mio pensiero è stato “Cosa ci regalerà questa volta? Ci spiazzerà? Rimarrà nella sua comfort zone? Chissà”.
Risposta, che concluso l'ascolto non si è fatta attendere: Penso che Niccolò, si sia divertito a spaziare tra i generi, sorprendere chi magari si aspettava solo le canzoni alla Ultimo, per così dire, tirando fuori anche degli extrabeat inaspettati, ma piacevolmente soprendenti e deliziandoci a mio avviso, con delle perle, quali “La stazione dei ricordi” e “Piccola Stella” scritta a soli 14 anni. Ricordandovi che “Colpa Delle Favole” è ufficialmente fuori ovunque, vorrei lasciare la par…