Dalla Spagna all'Italia con...Tamara Luz Ronchese in arte Rizha! #Interview

Ciao a tutti.
L'ospite di quest'oggi, sarà davvero speciale. 
È un'artista che ci ha colpito con il suo essere fuori dagli schemi.

È riuscita a far della musica e recitazione, altra sua passione che l'ha portata ad interpretare Joana in Skam España, il suo lavoro e farsi conoscere anche internazionalmente...
Lei è Tamara Luz Ronchese in arte Rizha!

Abbiamo avuto il piacere di intervistarla con una piccola video intervista, quindi...
Diamole il benvenuto e cliccate play!

Di seguito, al link, trovate tutta la nostra chiacchierata al completo: 

Trovate anche sul nostro Instagram: "Outsiderblogsite", un piccolo video saluto tutto per voi!



Infine, ringraziamo Tamara e tutto il suo staff per la gentilezza e la disponibilità,
ci teniamo anche a ricordarvi che il 3 Settembre sarà proprio qui in Italia, precisamente al Traffic Live Club di Roma, per un concerto e vi invitiamo a seguirla sui suoi canali ufficiali! 

Buona musica a tutti!
.
.
.
ENGLISH VERSION.

 Hi everyone!

Our guest for today is very special.
She's an artist that we really admire cause she thinks out of the box.
She managed to make singing and acting, another one of her passions that led her to became Joana in Skam España, her job and make herself known internationally...
She is Tamara Luz Ronchese aka Rizha!

We had the pleasure to a video interview with her, so...
Let's give her a warm welcome and just click play!

This is the link to find our little chat and the complete interview:
https://youtu.be/P26vm-DRm9I

On our IG (@outsiderblogsite) you can find a little video message for you!

We want to thank Tamara and her staff for being so kind,
we want to remind you also that on the 3rd September she'll be here in Italy, at the Traffic Live Club in Rome, for a concert and we invite you to follow her on her channels!

QUI POTETE TROVARE LA TRADUZIONE DELL'INTERVISTA COMPLETA IN: 

SPAGNOLO 

Hola lectores de Outsider, estoy haciendo una entrevista con vosotros así que por favor ir a verla, os amo.
Estamos muy felices de tenerte aquí como invitada porque te valoramos mucho como artista y sabemos que tienes muchos fans aquí en Italia.
¡Ahora vamos a empezar con las preguntas!

- Empecemos hablando de tus pasiones, cantar y actuar: ¿cuándo has entendido que esto era lo que querías hacer como trabajo?

Creo que nunca he pensado hacer cualquier otra cosa. Siempre, desde cuando era pequeña, me ha encantado cantar, bueno, a ese entonces no lo definiría cantar sino gritar, pero me gustaba también diseñar y escribir cuentos. Siempre he sido muy artística porque toda mi familia siempre ha sido artística, bueno, no toda mi familia, pero buena parte de ella, por ejemplo, a mí mamá le encanta diseñar, mí papá es un director de películas y escribe guión, mí abuela se dedica a la música, a mí otra abuela siempre le ha gustado pintar. Entonces siempre he querido hacer esto, y yo vivía en un pueblo muy pequeño en Argentina y cada vez que decía que quería que fuera algo más que un simple hobby las personas me contestaban "pero que dices" y cosas así, tendría que estudiar o no sé.

- Viendo tu video para "Expectations" , hemos notado que has puesto las letras en varios idiomas, incluso el italiano: ¿porque has decidido hacer esto y porque has elegido esa canción? ¿Y hay un lugar en el mundo donde te gustaría hacer un concierto?

No realmente no sé porque elegí a "Expectations" , solo porque quería probar con una canción y elegí a esa, y porque en el otro video no tenía mucho espacio, pero en "Expectations" quería hacerlo en blanco y negro con las letras y lo hice porque muchas personas querían una traducción, entonces hablé con una chica de Italia que me sigue y le pedí ayuda para traducirlo porque mi italiano no es tan bueno.

- Hablando de SKAM, quisiéramos saber lo que significa para ti representar un personaje como Joana y si nos puedes hablar de tu experiencia en el set.
Bueno representar a Joana fue un buen desafío para mí, antes de todo cuando hice el casting no pensaba que iba a salir bien, por lo tanto fue muy natural porque yo no estaba nada nerviosa. Y luego cuando empecé a trabajar allí con el team y también el psicólogo para hacer que todo fuera realístico, sentí mucha presión porque quería hacerlo bien y representarla de forma realística. Pero trabajar allí realmente fue genial, me la pasé muy bien. La segunda temporada fue aún más difícil porque yo ya era uno de los personajes principales con Irene así que tenía que estar allí todo el día, pero igualmente me lo pasé bien porque todo el equipo, no solo los actores, es tan amable y yo le quiero un montón. El entorno es tan bonito que ni siquiera parece trabajo, en serio. Así que se trata de una experiencia maravillosa y también mi primer proyecto importante.

- ¿Que significa la música para ti y, si tuvieras que elegir un símbolo, es decir un objeto, una citación, o un cantante para describirla, cual elegiría?

Dios mío que pregunta difícil. Creo que la música y, bueno el arte en general, está conectada de forma muy estrecha con las emociones, creo que es una manera directa de exprimirse, pero si tuviera que elegir alguien, sería Kid Kudi porque habla de cosas importantes que, no se, le molestan y me encanta porque yo amo a ese tipo de música y me encanta el como artista. 

- Dinos un poco sobre el proceso de creación a la base de los conceptos de tus álbum y de tu video musicales, como lo que hiciste para la canción "20". ¿Hay algo que haces que te ayuda a encontrar la inspiración?

Básicamente paso mucho tiempo curando el tema, la parte estética, escribo sobre lo que siento en ese momento, y me lleva como un mes o dos. Todos tienen la misma idea y cuando lo termino, pienso a lo que se podría conectar con el estilo de la música, no se, el color, por ejemplo. Y quería que la estética fuera un poco punk, no se como los Blink 182 por ejemplo, con los colores muy luminosos. Pero también quería hacerlo un poco afilado, un poco vanguardista.
Yo tengo una idea en mi mente, pero a veces no logro ponerla en concreto. Entonces, lo que intento hacer es dejar que la canción se escriba sola. Pero intento no tener una idea sobre la producción porque allí es donde me paro más y me bloqueo. 


- Última pregunta: ¿Puedes saludar los lectores de Outsider y tus fans italianos?

Bueno, fui en Italia solo una vez en mi vida y mí familia, que es italiana, no es tan orgullosa de mi. Fui a Venecia desde hace mucho tiempo. Pero se que no he sido criada como italiana porque soy de Argentina. Pero siempre he querido ir y me hace muy triste no acordarme del italiano. Creo que Italia y España se parecen mucho en cuanto a las vibras. Así que intentaría ir a Roma, pero afortunadamente hay esta pandemia ahora.

ITALIANO

Ciao lettori di Outsider, ho appena fatto un'intervista con voi quando andate a vederla, vi amo.
Siamo molto felici di averti qui come invitata perché ti ammiriamo come artista e sappiamo che hai molti fan qui in Italia. Ora iniziamo con le domande!

Iniziamo parlando delle tue passioni, cantare e recitare: quando hai capito che questo fosse ciò che avresti voluto fare come lavoro?

Penso di non aver mai pensato di fare altro. Sempre, da quando ero piccola, mi è piaciuto cantare, beh, non lo definirei cantare ma urlare piuttosto, però mi piaceva anche disegnare. Sono sempre stata molto artistica perché tutta la mia famiglia lo è sempre stata, insomma, non tutta, però una buona parte, per esempio, a mia mamma piace disegnare, mio padre è un direttore di videoclip, mia nonna si dedica alla musica, e all'altra mia nonna è sempre piaciuto pitturare. Quindi ho sempre voluto fare questo, e vivevo in un quartiere molto piccolo in Argentina e ogni volta che dicevo di voler fare ciò come più di un hobby le persone mi rispondevano con "ma che dici" o che avrei dovuto studiare, o non so.

- Vedendo il tuo video per "Expectations" abbiamo notato che hai messo il testo in varie lingue, tra cui l'italiano: perché hai deciso di fare ciò e perché hai scelto proprio questa canzone? E c'è posto nel mondo in cui ti piacerebbe fare un concerto?

No in realtà non so perché ho deciso "Expectations" , solo perché volevo provare con una canzone ed ho deciso quella, e perché nell'altro video non avevo spazio, però in "Expectations" volevo farlo in bianco e nero e con il testo perché molte persone volevano una tradizione, quindi ho parlato con una ragazza italiana che mi segue e le ho chiesto di aiutarmi a tradurlo perché il mio italiano non è molto buono.

- Parlando di SKAM, cosa significa per te rappresentare un personaggio come Joana e se potresti parlarci della tua esperienza sul set.
Rappresentare Joana è stata una sfida per me, quando ho fatto il casting non pensavo andasse bene, infatti è stato molto naturale e non ero per niente nervosa. Quando ho iniziato a lavorare lì con il team e lo psicologo per far si che fosse realistico, ho sentito molta pressione perché volevo farla bene e rappresentarla in modo realistico. Però lavorare lì e stato davvero fantastico. La seconda stagione è stata più difficile perché ero uno dei personaggi principali con Irene quindi dovevo stare lì tutto il giorno, però sono stata comunque bene perché tutto il team, non solo gli attori, sono amorevoli e gli voglio tanto bene. Tutto quello che c'è attorno è bellissimo, non sembrava neanche un lavoro, sul serio. Si tratta di una esperienza meravigliosa e del mio primo lavoro importante.

- Cosa significa per te la musica e, se dovessi scegliere un simbolo, che sia un oggetto, una citazione, un cantante o musicista per descriverla, quale sarebbe?

Oddio che domanda difficile. Credo che la musica, e l'arte in generale, è connessa strettamente alle emozioni, credo sia una forma diretta di esprimersi, però se dovessi scegliere qualcuno, direi Kid Kudi perché parla di cose importanti, che gli danno fastidio e lo adoro perché amo questo tipo di musica e lo adoro come artista.

- Raccontaci un po' del processo creativo alla base dei concetti per i tuoi album e video musicali, come quello per il tuo ultimo singolo "20". C'è qualcosa in particolare che fai e che ti aiuta a trovare l'ispirazione?

Principalmente passo molto tempo a curando il tema, la parte estetica, scrivo su ciò che sento in quel momento, e mi ci vuole un mese o due. Tutti hanno la stessa idea e quando lo finisco, penso a cosa potrebbe andare bene con quello stile di musica,non so, il colore per esempio. E volevo che l'estetica fosse un po' punk, come i Blink 182 per esempio, con colori molto luminosi. Volevo farlo anche un po' all'avanguardia. Ho l'idea nella mia testa ma a volte non riesco a renderla concreta. Quindi, quello che cerco di fare è lasciare che la canzone si scriva da sola. Però cerco di non avere un'idea sulla produzione perché è lì dove tendo di più a bloccarmi.

- Ultima domanda: potresti fare un saluto ai lettori di Outsider ed ai tuoi fans italiani?

Sono stata in Italia una sola volta in tutta la mia vita e la mia famiglia, che è italiana, non è molto orgogliosa di me. Sono stata a Venezia molto tempo fa. Però non sono stata creata come italiana perché sono argentina. Però ho sempre desiderato andarci e mi rende triste non ricordare l'italiano. Penso anche che la Spagna e l'Italia si assomiglino parecchio. Ho cercato di andare a Roma, però sfortunatamente c'è questa pandemia adesso.








Post più popolari